Un fiore al giorno...leva lo psicologo di torno

Non ci sarebbe bisogno di farci tanti studi e ricerche  sopra ma, come ormai provato, il giardinaggio farebbe benissimo alla "salute mentale" delle persone. Pensate che il  Dott. Richard Thompson, presidente del Royal  College of Physician, sostiene addirittura che la sola vista di un giardino possa  esser sufficiente a migliorare i tempi di recupero di una malattia o disagio psicologico.

Uno dei punti  principali è comunque da ricercarsi nel fatto che, avere un giardino  da curare o un fiore da "seguire", costituisce già di per sè uno scopo e quindi una ragione significativa di vita. Un anziano troverà  giovamento nei piccoli movimenti  necessari per curare  le piante e i fiori senza che gli stessi spostamenti non gli creino troppi disagi mentre i più giovani potranno capire il senso della responsabilizzazione durante la cura della pianta o dell'intera area verde. Come un piccolo animale domestico, come un figlio, anche il giardino necessita delle cure necessarie per sopravvivere e questo mantiene alta l'attenzione  e, soprattutto, il senso di  "appartenenza" nei confronti  della propria vita e quella altrui. Ma non scordiamoci dei tempi, quelli sono davvero i  maestri di vita, i leader per raggiungere la serenità interiore:  il rapporto con la natura ed i tempi di crescita di un fiore, una pianta ed il loro sviluppo,  impongono nell'uomo l'attesa ed i ritmi lenti che  ha perso nel corso di questa vita frenetica e stressante.

Il risultato della natura sarà però eccitante , evidente e soddisfacente! Se poi vi aiuterà a liberarvi da qualche piccolo malessere, ancor meglio no?

Mark



Potrebbe interessarti anche...

Scrivi commento

Commenti: 0