Fiori e piante  tossiche per gli animali

Per molti di noi, la salute del nostro migliore amico, cane o gatto che sia, è primaria se non maggiore  della cura che prestiamo alla casa stessa. I fiori e le piante che abbiamo in casa ed in giardino, a volte,  possono non "andar d'accordo" con la salute dei nostri cani e dei nostri gatti e, per questo, abbiamo deciso di stilare una piccola lista per conoscere quali possono essere ed eventualmente aiutare il veterinario in caso di problemi.




Aloe: Vista la sua particolare "forma", dubito che anche il cane più giovane e curioso si metta a mangiare questo tipo di pianta! Se proprio dovesse capitare, sappiate che i sintomi più comuni sono diarrea ed aumento di urinazione.

Azalea: Questo fiore possiamo trovarlo sia in vaso che nelle aiuole dei giardini e per questo più alla portata di cani e gatti di qualunque taglia. Se il vostro cane dovesse ingerire qualche fiore di troppo,potrebbe manifestare diarrea, vomito e probabilmente avere qualche colica.

Begonia: vale lo stesso discorso dell'azalea per quanto riguarda la posizione e l'accessibilità ma cambiano un po' i sintomi:  dopo aver ingerito questa pianta( specie le radici) possono  verificarsi intossicazioni di lieve entità.

Ficus: pianta tipica d'appartamento che molti di noi tengono in casa perchè dura nel tempo, è molto resistente e non richiede troppe attenzioni.  La parte più dannosa per i nostri amici animali è probabilmente il fusto che, se ingerito assieme alle foglie, può provocare diarrea, vomito e, in alcuni casi anche problemi gastrointestinali

Iris ( bulbi): più che i fiori, può provocare problemi gastrointestinali il bulbo quindi fate attenzione quando li piantate che non diventi oggetto del desiderio del vostro cagnolino o gattino. 

Oleandro: tanto bello quanto velenoso, l'oleandro è forse il fiore più tossico per i nostri amici a quattro zampe!  E non solo per loro perchè anche per l'uomo, se ingerito in  certe quantità, può essere letale  per la presenza di sostanze cardiotossiche presenti, soprattutto, nei suoi fiori.

Ciclamino: come quasi tutti i fiori della lista, se ingerito, può provocare problemi gastrointestinali, diarrea e vomito ma anche convulsioni se  la quantità di fiori assunta dovesse essere particolarmente massiccia.

Tulipani (bulbi): anche i bulbi di tulipani possono creare qualche disagio quindi, durante la messa a dimora teneteli al riparo dai vostri amici a quattro zampe. Le eventuali conseguenze dovute all'assunzione di bulbi di tulipano non dovrebbero essere comunque troppo gravi.

Edera: le foglie e le bacche (se presenti), possono essere velenose e pertanto i sintomi successivi all'assunzione possono essere di tipo gastrointestinale ma anche riguardare il sistema respiratorio.

Vischio: il famoso rametto sotto cui tanti si baciamo nel periodo natalizio  può creare distrurbi gastrintestinali al nostro animale domestico ma anche qualche disturmo neurologico... Fate attenzione se la usate come ornamento!

Stella di Natale: è la pianta più diffusa e presente nelle nostre case durante il Natale e tutto il periodo festivo.  Può creare irritazioni agli occhi e gongiuntiviti ai nostri cani .

NB : Questa è solo una piccola guida sui possibili sintomi che alcune piante e fiori possono generare!!! In caso di problemi è sempre bene consultare il vostro veterinario di fiducia e non prendere iniziative personali ( es.  far vomitare il cane o dargli medicine "fai da te")



Potrebbe interessarti anche...

Scrivi commento

Commenti: 0