· 

Piante rampicanti: l'akebia quinata


Tra le numerose piante rampicanti sempreverdi esiste l'Akebia con la sua varietà Quinata dal colore rosato e dalle sfumature violacee. La pianta ha origini orientali: Cina, Giappone e Corea; ha fusti sottili e flessibili con piccole foglie palmate composte da cinque foglioline.
L'Akebia Quinata ha un aspetto davvero elegante soprattutto in primavera quando fiorisce producendo numerosi fiori che a piccoli gruppi si nascondono tra le foglie verdi. In estate dà grossi frutti, anch'essi di colore violetto, che raggiungono poi il marrone chiaro della maturità; ogni bacca tende infine ad aprirsi longitudinalmente mostrando la polpa bianca e cremosa composta da una grande quantità di piccoli semi neri.

Coltivazione

 

Gli esemplari di tale pianta crescono rapidamente in pochi anni; possono raggiungere anche altezze superiori agli otto metri arrampicandosi facilmente su case, muri o rupi. La velocità della sua crescita la rende una pianta spesso invasiva, ma la giusta coltivazione e un'adeguata potatura, permetteranno di averne il giusto controllo. Le akebia sono piante davvero resistenti e possono sopportare anche climi molto freddi, però per una crescita rigogliosa necessitano di molto sole, poco vento e di un terreno ben drenato magari composto da terriccio e poca sabbia di fiume lavata.
L'Akebia Quinata non richiede terreni particolarmente profondi e per questo può essere anche coltivata in vasi capienti con un rinvaso ogni due anni circa per permettere alle radici di avere più spazio. In zone meno soleggiate e più ombrose crescerà lo stesso ma produrrà meno fiori.

Malattie e cure

 

Queste piante non hanno bisogno di particolari cure e attenzioni e generalmente non vengono colpite da parassiti o malattie. Con una buona potatura invernale crescerà rigogliosa; in primavera si può invece effettuare la riproduzione tramite seme o tramite talea semilegnosa. Le giovani piante vanno annaffiate con più regolarità rispetto a quelle adulte, queste piante rampicanti possono tuttavia sopportare brevi periodi di siccità; quelle coltivate in vaso richiedono annaffiature modeste ma frequenti cercando di evitare ristagni d'acqua.
Per ottenere una pianta con numerosi fiori si può utilizzare, ogni quindici giorni, del fertilizzante mischiato all'acqua; per evitare possibili parassiti si utilizzano invece dei prodotti fitosanitari che garantiscono da subito una maggiore protezione alla pianta.

Curiosità

 

In Occidente la pianta è usata soltanto come elemento decorativo, ma nei paesi di origine l'akabia serve a molto di più.
I suoi steli resistenti sono utilizzati per intrecciare piccoli cesti; le foglie e la buccia del frutto sono usate in cucina per preparare decotti dall'ottimo potere diuretico; inoltre l'olio estratto dai semi viene impiegato nell'ambito della cosmesi e della medicina.
I baccelli offrono una polpa che profuma di vaniglia e che, se separata dai semi neri, diventa commestibile e può essere impiegata in cucina, per esempio nelle insalate; poi grazie al suo gusto dolciastro può arricchire il sapore di uno yogurt o di un succo. L'Akebia Quinata non è particolarmente calorica, ha numerosi nutrienti e sembra avere anche molte proprietà antinfiammatorie, va tuttavia consumata in piccole dosi.

 

 

Potrebbe interessarti anche...

Scrivi commento

Commenti: 0