· 

Il giardinaggio è l'hobby che può far vivere fino a 100 anni

Foto di joyful99 da Pixabay

Molti centenari condividono una passione comune: il giardinaggio.
Può essere questo un hobby che aiuta e contribuisce davvero alla longevità?
Secondo alcuni studi è davvero possibile!

Dan Buettner ha studiato cinque luoghi in tutto il mondo in cui i residenti sono famosi per la loro longevità: Okinawa in Giappone, Nicoya in Costa Rica, Icaria in Grecia, Loma Linda in California e Sardegna in Italia.Le persone che vivono in queste cosiddette "zone blu" hanno alcuni fattori in comune: le reti di supporto sociale, le abitudini quotidiane di esercizio fisico e una dieta a base vegetale, per cominciare. Ma hanno in comune un altro elemento comune inaspettato: In ogni comunità, le persone fanno  giardinaggio fino alla vecchiaia, ovvero fino agli 80, 90 e oltre.
"Nutrire" il pollice verde può aiutare davvero a vivere fino a 100?

Il buonumore

È noto che uno stile di vita all'aperto con un'attività fisica moderata è legato a una vita più lunga e il giardinaggio è un modo semplice per raggiungere entrambi. "Se fai il giardinaggio, stai facendo qualche attività fisica a bassa intensità quasi tutti i giorni e tendi a lavorare di routine", afferma Buettner. Dice che ci sono prove che i giardinieri vivono più a lungo e sono meno stressati. Numerosi studi lo confermano, indicando i benefici per la salute fisica e mentale del giardinaggio.

In un recente studio olandese, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di completare un'attività stressante, poi li hanno i divisi in due gruppi. Un gruppo ha letto in casa e l'altro ha fatto il giardinaggio all'aperto per 30 minuti. Il gruppo che ha letto ha riferito che il loro umore "si è ulteriormente deteriorato", mentre i giardinieri non solo hanno avuto successivamente livelli più bassi di cortisolo, ma si sono anche sentiti "completamente ripristinati" di buon umore. Ricercatori australiani che hanno seguito uomini e donne sulla sessantina hanno scoperto che coloro che facevano regolarmente giardinaggio avevano un rischio di demenza inferiore del 36% rispetto alle loro controparti che non facevano giardinaggio. E studi preliminari su persone anziane che soffrono di problemi cognitivi (come la demenza e l'Alzheimer) riportano i benefici delle impostazioni del giardino e della terapia dell'orticoltura. La luce solare e l'aria fresca, ad esempio, aiutano gli anziani agitati a sentirsi più calmi, mentre i colori e le trame di varie piante e verdure possono migliorare l'abilità visiva e tattile. Non c'è panacea per invecchiare ma, secondo la scienza, il giardinaggio sembra migliorare la nostra qualità della vita con l'età.

Lascia che la natura ti nutra

Non si tratta solo di effetti sulla salute: i benefici sociali del giardinaggio possono anche aumentare la longevità. Il dott. Bradley Willcox dell'Università delle Hawaii studia centenari a Okinawa, che ha il più alto rapporto al mondo di centenari, circa 50 per 100.000 persone. Molti residenti mantengono piccoli giardini personali fino alla vecchiaia.

Dice che il giardinaggio aiuta con altri fattori essenziali, anche se un po 'più effimeri, nell'aumentare la longevità. “Ad Okinawa, dicono che chiunque invecchi in salute ha bisogno di un ikigai, o ragione di vita. Il giardinaggio ti dà qualcosa per cui alzarti ogni giorno. "

Inoltre, spiega Willcox, Okinawa valuta il concetto di yuimaru, o un alto livello di connessione sociale. "Stare insieme in un mercato locale, portare i tuoi prodotti e condividere le tue ultime creazioni dal giardino è una grande attività sociale", dice. "Questo certamente aiuta le persone a sentirsi radicate e connesse".

 I medici scozzesi possono ora prescrivere una passeggiata nella natura per trattare una varietà di disturbi, tra cui la riduzione della pressione sanguigna e dell'ansia, e per migliorare la felicità generale

Un senso di connessione con le altre persone è importante, ma lo è anche la connessione individuale con la natura. Uno studio dell'Università di Harvard ha dimostrato che le persone che erano circondate da una vegetazione lussureggiante vivevano più a lungo, con una minore possibilità di sviluppare tumori o malattie respiratorie.


Infine, esiste anche una componente dietetica della longevità con cui il giardinaggio può aiutare. I ricercatori hanno dimostrato un legame tra la "dieta mediterranea" - ricca di verdure, frutta, cereali integrali, legumi, noci, pesce e olio d'oliva - e un invecchiamento più lento.

Willcox afferma che il principio fondamentale di mangiare un'abbondanza di verdure fresche, idealmente da orti e mercati locali, è importante per la longevità, sia che la dieta sia tecnicamente mediterranea o meno. Ad Okinawa, ad esempio, la maggior parte delle persone coltiva ortaggi come melone amaro e patate dolci nei loro giardini.

"Quando mangi verdure coltivate da te stesso, cambia tutto - hanno un sapore più delizioso e fa davvero la differenza nelle qualità di salute (vitamine, minerali, composti fitoattivi ecc.) Del cibo stesso", afferma Willcox. Buettner, l'esperto delle "zone blu", raccomanda una dieta a "90% di piante, in particolare verdure e fagioli", e sottolinea una semplice verità: i giardinieri hanno maggiori probabilità di piantare ciò che vogliono mangiare.

Foto di PDPics da Pixabay

Coltivare per una vita più lunga?

Se il giardinaggio fa bene, l'agricoltura è ancora migliore! Molti dei fattori legati allo stile di vita associati alla longevità - come vivere in campagna e fare molta attività fisica - si applicano anche agli agricoltori.

Alcune prove suggeriscono che l'agricoltura è una delle professioni più sane. Uno studio australiano ha dimostrato che gli agricoltori avevano un terzo in meno di probabilità di soffrire di una malattia cronica e il 40% in meno di visitare un medico generico rispetto ai lavoratori non agricoli. I ricercatori statunitensi hanno confrontato i tassi di mortalità tra gli agricoltori con i tassi per la popolazione generale e hanno scoperto che gli agricoltori hanno meno probabilità di morire di cancro, malattie cardiache o diabete. E studi in Svezia e Francia hanno anche dimostrato che gli agricoltori sono più sani dei non agricoltori.

Il dott. Masahiko Gemma dell'Università Waseda di Tokyo ha studiato agricoltori autonomi nella provincia centrale di Saitama, che hanno scoperto di avere un'aspettativa di vita più lunga rispetto ai non agricoltori e di lavorare successivamente nella vita. Molti degli intervistati di Gemma erano agricoltori o pensionati a tempo parziale e descrive molte delle loro responsabilità come "simili al lavoro di gestione di un giardino".

    I ricercatori statunitensi hanno confrontato i tassi di mortalità tra gli agricoltori con i tassi per la popolazione generale e hanno scoperto che gli agricoltori hanno meno probabilità di morire di cancro, malattie cardiache o diabete

"Le piccole fattorie familiari sono comuni nell'agricoltura giapponese", afferma Gemma, spiegando che il suo sondaggio non includeva gli agricoltori che lavoravano per operazioni aziendali su larga scala. Scoprì che gli agricoltori autonomi godevano di cambiamenti statisticamente significativi e positivi nelle condizioni psicologiche e fisiche prima e dopo aver intrapreso attività di allevamento leggero. "La nostra ipotesi è che il lavoro agricolo contribuisca al mantenimento della buona salute e dello spirito" afferma.

Per concludere

 

Sebbene le scoperte di Gemma siano incoraggianti, non tutta l'agricoltura assomiglia al tradizionale modello giapponese a bassa tecnologia.
L'agricoltura è un'industria nella maggior parte del mondo occidentale in cui gli agricoltori possono sperimentare  condizioni di lavoro difficili o pericolose, debito elevato e processi sempre più automatizzati. In realtà  l'agricoltura, almeno in America, è fissare un computer finché tutti gli altri, gestendo sistemi per polli da carne o strutture per il contenimento del maiale, mentre altri, magari seduti su una mietitrebbia con aria condizionata, guardano i video mentre attraversano monotoni campi guidati con precisione dal GPS ", afferma Thomas Forester, consulente di politica alimentare con sede a New York presso organizzazioni di ricerca e agenzie delle Nazioni Unite.
È difficile, quindi, vedere l'agricoltura come un farmaco magico contro l'invecchiamento.
Né l'agricoltura né il giardinaggio garantiranno in definitiva una longevità maggiore.
Ma alcuni dei fattori dello stile di vita associati a entrambi - vale a dire uscire, impegnarsi in una leggera attività fisica e seguire una dieta sana a base vegetale - potrebbero proprio favorire un migliore invecchiamento e maggiore longevità.
Alla fine, si tratta di equilibrio. "Uso l'analogia di una sedia", afferma Willcox. “Dieta, attività fisica, impegno mentale e connessione sociale sono le quattro gambe. Se non ne hai una, perdi l'equilibrio e ciò può ridurre l'aspettativa di vita. La longevità non riguarda un solo fattore: si tratta di non lavorare troppo duramente per condividere una costellazione di tutti questi fattori ".

Scrivi commento

Commenti: 0