· 

Come far propagare le piante d'appartamento

Cosa succederebbe se potessi fare copie illimitate della tua pianta d'appartamento preferita da condividere con tutti i tuoi amici? O magari fare copie delle piante d'appartamento dei tuoi amici da aggiungere alla tua collezione? Si può! Molte piante d'appartamento comuni possono essere facilmente moltiplicate o propagate in modo asessuato. Dal momento che ciò non comporta la crescita da seme, puoi riprodurre rapidamente le piante in questo modo. E ogni pianta che propaghi è una copia genetica dell'originale.
Ma come si può fare?

IL MATERIALE

  1. Cesoie da potatura o magari un buon paio di forbici. Più affilato è lo strumento, più pulito è il taglio e meno danni arrecherai alla pianta originale. La sterilizzazione dell'utensile (usando candeggina diluita o alcool) tra il taglio di piante diverse riduce il rischio di trasmissione di malattie.
  2. Terriccio. In genere, è meglio un terriccio  che includa qualcosa come la perlite (per drenaggio). È possibile utilizzare un mix di germinazione dei semi o un normale terriccio per poi aggiungere perlite o sabbia. L'ideale è qualcosa che non rimanga troppo fradicio e assorba bene l'acqua evitando di far marcire le talee.
  3. Contenitori. I contenitori poco profondi con fori di drenaggio sul fondo, tipo piccoli vasi sono i migliori. Fino a che le tue talee non avranno ancora radici, non hai bisogno di molti mezzi di impregnazione per iniziare. Ciò ridurrà anche la possibilità di far marcire le tue piantine nuove.
  4. Posizione adatta: Le talee dovrebbero essere mantenute in piena luce indiretta.  Una volta che la tua pianta mette radici, puoi spostarla, ma se la stai spostando verso il sole diretto, fallo gradualmente, per evitare di bruciare le foglie.

METODI DI PROPAGAZIONE

 

LA DIVISIONE

Ti darà una nuova pianta istantanea perché stai semplicemente separando nuove piante (con radici!) Che hanno già generato dalla pianta originale. Esistono diversi modi in cui le piante madri svilupperanno piantine che possono essere facilmente divise.

  1. Stoloni (aka corridori). Le piante ragno ( il falangio ), ad esempio, producono nuove piante su lunghi steli specializzati chiamati stoloni. Le piantine possono essere semplicemente tagliate e messe in vaso.
  2.  Gli offset sono piccoli germogli che crescono dallo stelo o dalle radici della pianta madre. Per piante come l'aloe ( Aloe spp.), L'haworthia ( Haworthia spp.) o la gasteria ( Gasteria spp.) si può rimuovere l'intera pianta dal vaso e staccare delicatamente gli offset, tagliando gli steli di collegamento secondo necessità. Dopo aver rinvasato gli offset, rinvasare la pianta madre, aggiungendo ulteriore terriccio se necessario.
  3. Rizomi. I rizomi sono steli carnosi che crescono sottoterra in orizzontale. Dopo aver sradicato delicatamente la pianta madre, i rizomi possono essere tagliati verticalmente per produrre più piantine. Lo zenzero ( Zingiber officinale ) e il falso papiro ( Cyperus alternifolius ) possono entrambi essere propagati in questo modo, così come la popolare  Zamioculcas. Successivamente rinvasare la pianta madre, aggiungendo ulteriore terriccio se necessario.

 

Per tutti e tre i tipi di divisioni, è sufficiente piantare la nuova piantina ( o germoglio) appena diviso in una pentola di dimensioni adeguate di terriccio, tamponarlo delicatamente e acqua. Una buona regola empirica è quella di cercare un vaso che di circa 4-5 cm con spazio libero  intorno e sotto la pianta. Irrigare immediatamente dopo il trapianto assicura che non vi siano ampi spazi aerei e che tutte le radici siano a contatto con la nuova terra.

TAGLIO DELLO STELO

Prima di tagliare il gambo, è necessario identificare i nodi della pianta. Questi sono i punti lungo lo stelo dove sono attaccate le foglie. Fate sempre le talee dello stelo sull'internodo, l'area dello stelo tra due nodi. Non tagliate mai troppo vicino al nodo perché questo è il luogo in cui si svilupperanno nuove radici.

  1. Taglio dello stelo internodale: Questo metodo funziona bene su molte piante sospese o vinicole, tra cui il filodendro ( Philodendron hederaceum ), la zebrina ( Tradescantia zebrina ) e il pothos ( Epipremnum aureum ). Tagliate ovunque tra due nodi significa che potete produrre molte nuove piante dalla pianta originale. Fate i vostri tagli sullo stelo tra due nodi e posizionate la nuova piantina in orizzontale, in modo che il nodo sia in contatto con il terriccio, mentre le foglie rimangono fuori terra. In alternativa, potete posizionare la vostra piantina in una tazza d'acqua e attendere fino a quando le radici iniziano a svilupparsi prima di invasare.
  2. Punta dello stelo e taglio apicale: In questo metodo, effettuerete un solo taglio per stelo di crescita e ilvostro  taglio includerà la punta di crescita (il nodo più in alto) della pianta. Fate il taglio sullo stelo sopra un nodo. Rimuovete con attenzione le foglie dal nodo inferiore (o nodi) e inserire il taglio verticalmente nella miscela di impregnazione. La streptocarpella ( Streptocarpella saxorum ), il geranio ( Pelargonium spp.) e il coleus ( Plectranthus scutellarioides ) e altre specie della famiglia della menta si propagano facilmente in questo modo. In alternativa, potete posizionare la nuova piantina in una tazza d'acqua e attendere fino a quando le radici iniziano a svilupparsi prima di invasare.

TAGLIO DELLE FOGLIE

La propagazione delle talee fogliari porta a piccole piante completamente nuove che crescono dalla base del taglio. Quando decidete da quale foglia tagliare, cercate quelle sane che sono diventate a grandezza naturale, ma non sono troppo vecchie. Una volta che la nuova pianta ha sviluppato nuove radici, steli e foglie, la foglia "madre" può essere rimossa se lo si desidera.

  1. Foglia con picciolo: Il picciolo è il gambo della foglia che è attaccato allo stelo della pianta. Per produrre più violette africane ( Saintpaulia ionantha ) o begonie ( Begonia spp.), il metodo più semplice è quello di tagliare nuove foglie sane (tagliando sul picciolo, vicino allo stelo) e immergere il picciolo in un contenitore di terriccio, assicurandosi che la lama della foglia non tocchi il suolo.
  2. Foglia senza picciolo. Le foglie di alcune piante non hanno picciolo, quindi sono attaccate direttamente allo stelo. Molte piante grasse, tra cui la coda di burro ( Sedum morganianum ) e la  Crassula ovata , possono essere propagate rompendo delicatamente una foglia dallo stelo e posizionando la foglia con il lato di taglio verso il basso nel terreno abbastanza in profondità in modo che la foglia sia sostenuta in  posizione verticale. Le piante grasse sono piante a crescita lenta, quindi dovrete essere pazienti durante la loro propagazione.
  3. Taglio laterale: Una pianta che si può propagare con questo metodo è la Sansevieria. Usate una lama affilata per tagliare la foglia lungo la pianta. Quindi tagliate quella foglia in orizzontale in pezzi da 7-8 cm ciascuno, assicurandovi di mantenere i pezzi orientati nello stesso modo in cui stavano crescendo originariamente. Piantate ogni sezione nel vaso.

 

La maggior parte delle piante propagate usando uno di questi metodi svilupperà un proprio apparato radicale nel terreno per diverse settimane. Inizierete a notare la crescita di foglie e steli man mano che si stabiliscono. Dopo circa tre mesi, le vostre nuove piante saranno molto simili alle originali.

Scrivi commento

Commenti: 0