· 

Fiori e piante d'Islanda: leggende e curiosità della flora islandese

Chiesetta a Vik circondata da lupini viola
Chiesetta a Vik circondata da lupini viola

Quali piante crescono in Islanda? Ci sono fiori di campo islandesi e, in tal caso, come si chiamano? È vero che non ci sono alberi in Islanda? Ci sono piante commestibili o medicinali che crescono nel paesaggio arido e gelido di quest'isola divina?

Arrivando in Islanda, potreste esser perdonati se avete pensato di essere atterrati su un altro pianeta; i paesaggi lavici che circondano l'Aeroporto Internazionale di Keflavík sono così ultraterreni che magari vi siete domandati come possa sopravvivere su questa roccia nel mezzo dell'Atlantico un qualsiasi tipo di vita.

Guardando un po 'più da vicino,  scoprirete un ecosistema ricco e delicato, che ha trovato la vita anche nelle condizioni più estreme.

Potrebbero non esserci molti alberi in Islanda, tra cui funghi e licheni, ma ci sono tra le 5000 e le 6000 specie di piante conosciute che lottano per sopravvivere in questo difficile ambiente.
In questo articolo troverete un riassunto di alcune delle piante e dei fiori più iconiche presenti  nello scenario islandese.

L'incredibile paesaggio islandese visto da un drone: Rocce laviche sopra, il fiume in mezzo e gli alberi sotto
L'incredibile paesaggio islandese visto da un drone: Rocce laviche sopra, il fiume in mezzo e gli alberi sotto

Gli alberi in Islanda

La vecchia battuta diceva così: "Cosa fai se ti ritrovi perso in una foresta islandese? ... Alzati!". Questa battuta si basa sul fatto che ci sono pochissimi alberi in Islanda e quelli che ci sono sono piuttosto piccoli.
Ma non è sempre stato così; dalle fonti scritte dei primi coloni sappiamo che il paese era "boscoso da montagna a costa".
Si stima che prima dell'arrivo dei coloni vichinghi oltre 1000 anni fa, il 40% dell'Islanda fosse alberato. La deforestazione di massa si è verificata quando i primi islandesi iniziarono ad usare materiali per costruire le loro navi, case e per far fuoco per tenerle al caldo.

Questo processo ha richiesto  circa 300 anni e da allora l'Islanda ha subito la deforestazione e problemi di erosione del suolo, lasciando la sterile geografia senza alberi che caratterizza la maggior parte dell'Islanda oggi.

Questo non vuol dire che non ci siano alberi in Islanda! Negli ultimi anni, sono stati compiuti notevoli sforzi per ricoltivare i boschi con un notevole successo.

Oltre 85 specie di alberi stranieri sono stati introdotti in Islanda.

I più comuni e trionfali  includono l'abete sitka (Picea sitchensis), il pioppo nero (Populus trichocarpa) e il pino lodgepole (Pinus contorta). Queste varietà provengono dall'Alaska e vengono coltivate come alberello nelle serre islandesi in quanto è illegale importare alberi vivi in Islanda.

Le specie di piante autoctone più comuni includono la betulla lanuginosa (Betula pubescens), la sorba (Sorbus Aucuparia), il salice a foglie di tè (Salix phylicifolia) e meno frequentemente l'Aspen (Populus tremula). La maggior parte di questi cresce fino all'altezza degli arbusti con la betulla che raggiunge l'altezza massima di 15 metri (ma il più delle volte solo 4-5 metri).
La foresta più grande è Hallormsstaðaskógur e si trova nella parte orientale dell'Islanda, vicino all'idilliaca città di Egilsstaðir.

Camedrio alpino (Dryas octopetala)

Foto di Thomas B. da Pixabay

Il camedrio alpino o "Holtasóley", è stato votato dal pubblico fiore nazionale islandese nel 2004. È una pianta fiorita bianco alpino-artica e fiorisce in ogni regione dell'Islanda.
Questo bel fiore selvatico è il cibo preferito della pernice bianca di roccia o "Rjúpa" che lo porta ad essere soprannominato "Rjúpnalauf" che si traduce direttamente in "foglia di pernice bianca di roccia".

Nel corso dei secoli, gli umani hanno fatto uso delle sue qualità a base di erbe; principalmente come astringente e come agente per ridurre l'infiammazione. Le foglie secche di Holtasóley servivano una volta come sostituto prezioso del tè molto ambito.

Nel folklore islandese, questo fiore è presumibilmente intriso del potere di attrarre ricchezza dalla terra. Per sfruttare la forza del fiore devete seguire alcuni passaggi deplorevoli.
In primo luogo, devete rubare soldi da una vedova impoverita mentre frequenta la chiesa e poi seppellire il bottino sotto un punto in cui cresce il camedrio alpino. La leggenda narra che i vostri soldi mal guadagnati raddoppieranno.
Questa credenza popolare molto probabilmente ha contribuito ad un altro nome ottenuto dalla pianta: "Radice del ladro" e storicamente i ladri erano frequentemente appesi in luoghi in cui il fiore era stato trovato in abbondanza.

Timo artico precoce (Thymus praecox arcticus)

Thymus praecox arcticus a Dyrolaey, sulla costa meridionale d'Islanda
Thymus praecox arcticus a Dyrolaey, sulla costa meridionale d'Islanda

Il timo artico, o meglio noto in Islanda come "Blóðberg", si trova in tutta l'isola a causa della sua propensione per terreni sabbiosi e ghiaiosi di cui non c'è carenza.
I graziosi fiori viola sono stati a lungo utilizzati per preparare il tè e il Blóðberg è considerato un punto fermo nel mondo delle erbe islandesi. Si ritiene che abbia proprietà medicinali e benefiche per la salute come il rafforzamento del cuore e della testa, la pulizia del sangue e il contributo alla regolazione mestruale.
È anche naturalmente molto gustoso e la forte fragranza che emana è stata paragonata all'origano. Il profumo è così forte che un buon naso sarà spesso in grado di annusarlo prima che possa essere notato dall'occhio. Se desiderate assaggiare questa versatile erba, molti negozi a Reykjavik vendono tè Blóðberg o sali aromatizzati.

Lupini (Lupinus nootkatensis)

Chiesetta a Vik circondata da lupini color viola
Chiesetta a Vik circondata da lupini color viola

Non v'è altra pianta in Islanda così controversa  come il Lupino. Questa pianta perenne è originaria del Nord America ed è stata introdotta in Islanda nel 1945 per combattere l'erosione del suolo.

Dal suo arrivo, il lupino ha prosperato e si è diffuso in tutto il paese, a volte in luoghi in cui non era del tutto benvenuto. In molte aree rappresenta una minaccia per un numero di piante autoctone, tra cui alcune specie di muschio che sono notoriamente difficili da stabilire o recuperare.
Ci si preoccupa per una monocoltura di lupino che omogeneizza la flora naturale islandese alimentando il sentimento anti-lupino, ma si è rivelato difficile arrestare la proliferazione di questa specie.

Non tutti sono contro il lupino però! Molti traggono piacere dal colore che ha aggiunto alla campagna islandese e i graziosi fiori viola offrono ampie opportunità fotografiche per visitatori e la gente del posto.

Bacche e frutti di bosco

Gli islandesi adorano le bacche ed è una tradizione culturale raccogliere questi frutti naturali ogni stagione per fare le marmellate e gelatine o per accumulare una salutare aggiunta a dessert molto amati come le torte o il preferito della nazione: lo Skyr, un latticino molto simile allo yogurt.

Uscire per raccogliere bacche si chiama "Berjamó" e in genere si fa utilizzando contenitori vuoti di gelato per riporre il "raccolto".

La stagione della raccolta delle bacche in Islanda è tradizionalmente tra agosto e metà settembre, ma questo, ovviamente, dipende da quale tipi di bacche si stanno cercando. Le bacche crescono spontaneamente in Islanda e sono prive di pesticidi, il che le rende una vera delizia.

Fragole selvatiche

La più ambita delle bacche indigene islandesi, la fragola selvatica, o "Jarðarber", è incredibilmente rara e difficile da trovare in natura.
È molto probabile che possiate trovarla nel nord dell'isola e sono incredibilmente dolci e gustose. Se passate da  Reykholt, nell'Islanda occidentale, potete visitare una fattoria di fragole creata da una coppia di orticoltori olandesi.

Rumex Acetosella

Rumex acetosella
Rumex acetosella

L'acetosa di pecora (o talvolta "acetosa rossa") è conosciuta come "Hundasúra" in Islanda. È un membro della famiglia del grano saraceno ed è favorito per le sue foglie aspre e saporite.

Da piccoli, gli islandesi sanno di poter rosicchiare le foglie acide e lo faranno per tutta la vita. Le foglie sono un'aggiunta perfetta a un'insalata o semplicemente a qualcosa da "foraggiare" mentre si fa un'escursione.

Tarassaco

I denti di leone crescono ovunque in Islanda e in grande abbondanza. Questi fiori di campo sono adatti a terreni disssestati che sono comuni in tutta l'Islanda.

Sebbene i denti di leone possano essere considerati una famiglia di fiori selvatici di cui crescono alcune specie diverse in Islanda, la maggior parte degli islandesi quando si riferisce a un dente di leone userebbe semplicemente il termine "Túnfífill" o semplicemente "Fífill".

I denti di leone sono ricchi di vitamine e minerali e l'intera pianta è commestibile dal fiore alla radice. Hanno quindi a lungo caratterizzato la dieta islandese sia come tè o tonico o aggiungendo le foglie alle insalate. La radice della pianta è stata a lungo utilizzata come inestimabile sostituto del caffè poiché il caffè era costoso e spesso scarseggiava.

Cumino dei prati

Il cumino di fiori selvatici è apprezzato per i suoi gustosi semi che sono la scelta preferita per guarnire panini e per aromatizzare la bevanda più iconica dell'Islanda, il Brennivín. Conosciuta anche come "Morte Nera", la grappa islandese Brennivín accompagna spesso lo squalo marcio ma è anche gustosa a sé stante.
Il cumino si chiama Kúmen in islandese, così come il cumino che può creare confusione ma nulla che non possa essere risolto con un buon olfatto.

Dulse ( Palmaria Palmata)

La storia dell'Islanda è profondamente intrecciata con il mare. Non solo i coloni vichinghi hanno dovuto attraversarlo per raggiungere l'Islanda, ma è stato a lungo una fonte critica di cibo e non solo per i pesci.
Dulse è noto come "Söl" in Islanda ed è un tipo di alga rossa che nutriva gli islandesi da quando i primi coloni arrivarono nel X secolo. Fu raccolta in grandi quantità in primavera ed estate e poi essiccata in giacenza o per il commercio. Gli inverni erano lunghi e rigidi e spesso non si poteva contare su una fonte affidabile di nutrimento.

Tradizionalmente veniva bollita e consumata con burro o olio di fegato di merluzzo. Recentemente sta tornando un po 'come un gustoso alimento salutare con alcune persone che paragonano il suo sapore alla pancetta!

Muschio islandese

Il tipico paesaggio islandese fatto di muschio,  rocce laviche nere e vulcani sullo sfondo
Il tipico paesaggio islandese fatto di muschio, rocce laviche nere e vulcani sullo sfondo

Non è possibile scrivere una panoramica delle piante in Islanda e non menzionare il muschio. Il muschio verde lanoso spesso copre gran parte dei paesaggi lavici islandesi e ci sono oltre 600 specie scoperte finora. Non sorprende che gli infiniti campi di coperte verdi rappresentino più della metà di tutta la copertura vegetale in Islanda.
I muschi sono piante senza fiore multicellulari in grado di fotosintetizzare e crescono in ciuffi o "stuoie". Gli scienziati ritengono che il muschio sia arrivato in Islanda da spore riproduttive e che molto probabilmente furono alcune delle prime specie a colonizzare l'isola.
Il muschio si adatta molto bene al clima islandese; se la cava bene in condizioni umide e durante periodi di freddo, può "ibernare" o rimanere dormiente in attesa di condizioni migliori.

Nei paesaggi difficili e sterili, il muschio è fiorito e gli islandesi hanno un profondo rispetto per questa specie. Sebbene siano robusti in termini di resistenza alle intemperie, sono delicati in quanto impiegano molto tempo a crescere; solo 1 cm all'anno in buone condizioni.
Si possono causare molti danni camminando su questi tappeti di muschio e il governo islandese ha compiuto nobili sforzi per educare coloro che visitano l'Islanda a essere consapevoli di dove e come si spostano in modo da non causare danni involontari sotto i piedi.

 

Uno dei casi più viziosi di vandalismo si è verificato su una collina vicino a Nesjavellir, nel sud dell'Islanda, dove qualcuno ha scritto "Send Nudes" sul fianco della collina strappando enormi ammassi di questa preziosa vegetazione.
Justin Bieber ha girato degli scatti per un suo video musicale su un muschio particolarmente delicato nel sud dell'Islanda e ha ricevuto la condanna dei Ranger del parco locale. Quindi, se andate in Islanda, per favore non calpestate il muschio!

Scrivi commento

Commenti: 0