· 

Miti e leggende del fiore di Añañuca

L'Añañuca è un fiore tipico del nord del Cile, che cresce specificamente tra Copiapó e la valle di Quilimarí, nella regione di Coquimbo. Pochi sanno che il suo nome deriva da una triste storia d'amore...

Si dice che in epoca precedente all'indipendenza, quando il Monte Patria negli altopiani era ancora conosciuto come Monte Rey,  una bellissima giovane donna indigena di nome Añañuca viveva in queste zone

. Añañuca era così bella che tutti gli uomini volevano conquistarla, ma nessuno riuscì a impossessarsi del suo cuore.

Passò così il tempo, finché un giorno, un bel giovane minatore, arrivò in città in cerca di tesori.

Il giovane fu affascinato dalla bellezza di Añañuca e la stessa cosa accadde a lei con lui. I due, follemente innamorati, decisero di unire le loro vite e vissero felici per un po '. Ma una notte, il giovane fece un sogno in cui un goblin lo avvertì del luogo segreto dove era stato trovato il tesoro che aveva cercato per così tanto tempo.

 

La mattina dopo, il ragazzo andò a cercarlo senza avvisare nessuno, nemmeno sua moglie. Passarono i giorni, le settimane, i mesi e il giovane minatore non tornò mai più. Pare che il  giovane marito sia stato vittima del miraggio della pampa o di qualche tempesta che ne aveva provocato la scomparsa e, presumibilmente, la morte.

Con un dolore così immenso che non gli si adattava al petto a causa della perdita del suo amato, Añañuca perse la voglia di vivere e alla fine morì anche lei.

 

Un giorno di pioggia instancabile e dolce, gli abitanti del villaggio portarono il corpo della giovane donna nella sua tomba in un luogo sulla montagna, perché pensavano che avrebbe voluto così. Ma il giorno dopo, con l'alba, gli stessi abitanti si sono svegliati e hanno assistito a un evento sorprendente: Il punto nella valle dove era stato adagiato il corpo della ragazza si era ricoperto da un abbondante strato di bellissimi fiori rossi. Ecco perché la leggenda assicura che Añañuca divenne un fiore, come gesto d'amore per lil suo amato, perché in questo modo gli sarebbe rimasta sempre vicina.

È così che a questo bellissimo e sconosciuto fiore è stato dato il nome di Añañuca, un fiore che attualmente è anche conosciuto come "fiore di sangue", sia per il suo colore che per la tragedia e la perdita di due giovani vite.

 

Una variante di questa leggenda narra che il giovane fosse un soldato di origine spagnola, che si innamorò della principessa indigena nonostante le barriere che li separavano, affascinato dalla bellezza di lei.

 

Una notte, i soldati che disapprovavano il comportamento del giovane, lo seguirono fino a quando non trovarono il luogo dove erano stati visti di nascosto e lo portarono via dal fianco della giovane, rendendola incosciente.

Añañuca aveva deciso di seguire il suo amante, sapendo che lo avrebbero portato attraverso il deserto fino al Perù.

Per giorni sopportò il freddo pungente della notte e il caldo insopportabile del giorno, camminando finché le pietre sulla strada le ferirono i piedi, lasciandole dietro una scia di sangue.

Non si arrese mai. La sua sofferenza era troppa, ma continuò, finché le sue forze non la abbandonarono e cadde senza vita in mezzo al deserto, in un luogo tra Copiapó e Vallenar.

Dicono che la sabbia e il vento avessero avvolto il suo corpo, e quello stesso anno avvenne il miracolo. A settembre, il sentiero del sangue era stato coperto di fiori rossi, che furono battezzati con il nome di Añañucas. Così l'Añañuca, oltre ad essere un fiore unico, bello e delicato, rappresenta una triste leggenda ma allo stesso tempo una grande storia d'amore.

 

 

Fonte: Chilebosque.cl

Scrivi commento

Commenti: 0