· 

5 metodi per far durare i fiori più a lungo

Se state cercando un modo per far risaltare in modo vivace quelle rose di San Valentino, il bouquet di laurea o la composizione dell'anniversario in modo che restino  freschi per qualche giorno in più, potete provare uno di questi suggerimenti che utilizzano ingredienti domestici, utili a far durare più a lungo i vostri fiori.

1. Soda.

Versare circa 1/4 di una tazza nell'acqua in un vaso pieno di fiori recisi. Lo zucchero nella soda farà durare più a lungo i fiori. Nota: se avete un vaso trasparente e volete che l'acqua rimanga limpida, potete usare una soda trasparente, come la Sprite o 7-Up.

2. Aceto di mele.
A tutti piace tenere i fiori recisi il più a lungo possibile e ci sono molti buoni metodi. Un modo è mescolare 2 cucchiai di aceto di mele e 2 cucchiai di zucchero con l'acqua del vaso prima di aggiungere i fiori. Assicuratevi di cambiare l'acqua (aggiungendo nuovamente aceto e zucchero) ogni pochi giorni per aumentare la longevità dei fiori.

 

3. Vodka.

Il segreto per mantenere i fiori recisi belli il più a lungo possibile è ridurre al minimo la crescita dei batteri nell'acqua e fornire nutrimento per sostituire ciò che il fiore avrebbe ottenuto se non fosse stato tagliato. Aggiungete alcune gocce di vodka (o qualsiasi altro spirito chiaro) all'acqua del vaso per un'azione antibatterica insieme a 1 cucchiaino di zucchero. Cambiate l'acqua a giorni alterni, rinfrescando la vodka e lo zucchero ogni volta.

 

4. Monetine di rame.

I vostri fiori recisi dureranno più a lungo se aggiungete una monetina di rame ( 1-2 o 5 centesimi di Euro) e una zolletta di zucchero all'acqua del vaso. Si pensa che il rame agisca come un acidificante, che impedisce la crescita dei batteri.

 

 

5. Aspirina.

È un modo collaudato per mantenere le rose e altri fiori recisi freschi più a lungo: metti un'aspirina schiacciata nell'acqua prima di aggiungere i fiori. Inoltre, non dimenticare di cambiare l'acqua del vaso ogni pochi giorni.

Questo articolo ti è stato utile?

Scrivi commento

Commenti: 0