Curarsi e nutrirsi con i fiori e le piante

Quasi ogni parte del pioppo ha proprietà benefiche utili all'uomo, sebbene solo i boccioli sono ufficialmente riconosciuti rimedio curativo. La resina è molto apprezzata dalle api che la usano per produrre il propoli. Corteccia e foglie invece, vengono utilizzate solo nella medicina popolare.
Dalla terra nascono sempre i frutti migliori e spesso non ci accorgiamo che a poca distanza da noi si cela una ricchezza infinita che può aiutarci a rigenerare e guarire il nostro corpo in modo del tutto naturale, sano e, soprattutto, gratuito. All'interno dei nostri boschi crescono infatti alberi e piante che con le loro foglie o i loro frutti possono, se correttamente utilizzati, fornire all'uomo elementi necessari al benessere quotidiano ma anche alla guarigione da molti piccoli mali

Pianta tipica del sottobosco di conifere in mezza montagna, i mirtilli prediligono terreni umidi, acidi e ricchi di humus. Crescono spesso in zone paludose e, per questo motivo possono ricoprire zone molto ampie all'interno del bosco
Sin da bambini abbiamo fatto un po' tutti conoscenza con l'ortica, una delle piante più presenti nei nostri boschi ma anche una delle più "aggressive". L'ortica è infatti nota per le sue innate capacità offensive e orticanti ma un po' meno per le sue proprietà benefiche e qualità in cucina.

Ci sono alberi, piante e fiori che riservano proprietà incredibili e, a differenza della vastità dei prodotti della grande produzione, ci regalano il loro benessere gratuitamente e a chilometro zero. Uno di questi è il tiglio, albero profumatissimo che, soprattutto in primavera si fa riconoscere per la sua fragranza caratteristica che riempie vie delle città e boschi.